domenica 2 dicembre 2018

TENDENZE MAKE UP SPOSA PER IL 2019

Ciao a tutte/i,

in questo post diamo un'occhiata alle tendenze per i make up della sposa per il 2019.
Come sempre le influenze arrivano dalle passerelle svoltesi nei mesi scorsi in varie parti del mondo.


  1. LOOK NATURALE: dà massimo risalto all'incarnato, che deve essere evidentemente perfetto, luminoso. Il viso nelle sue specificità viene messo in risalto dallo sculpting, ovvero adottare la tecnica dei chiaroscuri per evidenziare con sapienti ombreggiature sfumate alcuni tratti, rimodellando i lineamenti a dando armonia al viso nella sua interezza. Il tutto mantenendo un'apparente naturalezza del volto. Si possono utilizzare sia creme che polveri colorate(ciprie o terre, purchè mat). Una scelta di make up adatta a spose non abituate ad usare trucco nella loro routine quotidiana, che prediligono un look semplice, acqua e sapone. Un look sempre molto richiesto effetto "nude".
    Make up sposa, nude look
    Make up nude look
  2. SMOKEY LEGGERO: colori tenui, delicati, pastello, a completo rivestimento della palpebra, sfumati. Si aggiunge qualche punto luce, ad es. nell'angolo interno dell'occhio. Niente di troppo strutturato e complesso, ma questo make up sposa delinea la palpebra, dà evidenza all'occhio, senza appesantire in modo radicale l'immagine finale del viso.
    Make up sposa, smokey
    Make up soft smokey
  3. EYELINER  + ROSSETTO: l'indimenticato e indimenticabile eyeliner il prossimo anno andrà a braccetto con un rossetto dal colore deciso. Parliamo di un look sposa che andrà ad enfatizzare entrambi gli elementi del volto, per spose abituate ad un make up più intenso, ai colori decisi anche sulle labbra. Spose che vogliono affermare la loro personalità con decisione, senza mezze misure, senza compromessi. La linea grafica dell'eyeliner si può allungare anche un po' verso le tempie, ricreando un effetto stile "occhio di gatta".
    Make up sposa, eyeliner
    Make up eyeliner+lipstick

In generale, per esperienza personale, a dispetto di qualunque moda, il look della sposa va sempre costruito sulla sposa, tenendo presente i suoi gusti personali in fatto di make up, come è solita truccarsi, lo stile del suo matrimonio, dell'abito e dell'outfit quindi nella sua interezza.
E' un'interessante gioco di squadra fra valorizzazione dell'esteriorità ed espressione dell'interiorità. 
Una sottile sinergia che deve trovare il suo personale equilibrio nel make up, che viene definito con la sposa il giorno dell'incontro di prova. 
Per arrivare al wedding day più pronta che mai ad affermare se stessa, la propria identità, anche attraverso il proprio make up perfetto!

In questo link trovate anche la mia intervista radiofonica a proposito di wedding make up: https://www.matrimoniexpo.it/daniela-papini-make-up-artist/



sabato 23 dicembre 2017

GLI UOMINI TRUCCATI: COSA NE PENSATE??

trucco uomo
Uomini truccati


Ciao a tutt/i!
Dopo diversi mesi di assenza nella scrittura, ma non nello spirito! eccomi a proporvi questo nuovo argomento, sino ad oggi lasciato intonso in questo blog, ma ormai irrinunciabile, perchè di grande interesse da parte del pubblico femminile e ovviamente anche di quello maschile, che ne è protagonista.
Parliamo del sempre più diffuso "fenomeno" degli uomini truccati.
Per "truccati" intanto possiamo intendere anche solo con un filo di matita occhi, un mascara, un po' di fard o della cipria, ma tant'è un qualcosa che dia maggiore rilevanza, caratterizzi e sottolinei enfatizzando un certo tipo di fascino maschile. Un fascino da star che sembra andare sempre più di moda presso l'utenza maschile.
Qui non stiamo parlando ormai solo del make up che possiamo trovare sulle facce delle icone sexi del momento, quali ad esempio, sì diciamolo, Damiamo dei Mäneskin. Sarebbe troppo facile e peraltro estremamente poco sensazionale vedere del trucco su personaggi dello spettacolo. Trovatemene uno che non sia truccato se appare in tv, in un film, in un video!
Qui parliamo di un'evoluzione(se così si può dire) del concetto, esteso all'uomo della strada, al vicino di casa, al signor Qualunque insomma.
Non stiamo quindi più parlando del divo sexi del caso, ma di un trend che, partendo anche dal divo sexi del caso, si sta allargando progressivamente a uomini comuni, che non hanno niente a che vedere col mondo dello spettacolo.
L'uomo truccato piace alle donne. Quindi perchè non testare ed appropriarsi anche di questa carta di seduzione, sempre stata ad esclusiva prerogariva femminile?
Del resto i tempi cambiano e da tempo ormai anche l'uomo si è adeguato. La cura del viso, del corpo, i trattamenti estetici non sono certo più un tabù. Anche l'uomo moderno, al passo coi tempi, ritiene opportuno e utile appropriarsi di questi strumenti, per piacere ma anche per piacersi di più ed imparare (in qualche caso finalmente) a volersi bene e a prendersi cura del proprio corpo, prevenendo il degrado più impietoso dopo una certa età!
Questa tendenza secondo me trova una sua collocazione ideologica nella tendenza a parificare socialmente i diritti LGBT.
Comunque, senza entrare nell'analisi sociologica diciamo che l'uomo truccato piace perchè:
1) incarna un fascino senza tempo
2) conferisce maggiore carisma
3) è sinonimo di moda, fashion addict, persona curata nell'outfit
4) sdogana il concetto di bisessualità, incontrando quindi i favori sia di uomini che di donne
5) crea un alone di mistero e sensualità
6) emancipa e dà visibilità

Potrei citare altre motivazione, queste però mi sembrano le principali.

Ora veniamo a noi!
Questo è uno di quei post che mi è uscito con maggiore facilità e scioltezza dalla tastiera.
Perchè se c'è un argomento che ha attinenza con la moda e il mondo dell'estetica è la consapevolezza che l'uomo truccato a me piace, da sempre.
Negli anni della mia fanciullezza, se così si può dire, se ne sono sempre visti pochi, e principalmente tutti appartenenti al mondo dello spettacolo.
Oggi, che le cose stanno faticosamente ma fortunatamente cambiando, sono ben felice nel mio lavoro di potermi confrontare con il trucco dell'uomo, che beninteso, non è più quello da me appreso in accademia, quello impalpabile e invisibile, ma quello ben delineato da fondotinta, matite, ombretti, eyeliner e rossetti, come un make up completo che si rispetti.

Questo guizzo di narcisismo maschile esaspera il concetto di autostima, sicurezza in se stesso dell'uomo alfa.... Il leader di oggi si distingue dal branco anche grazie al trucco.
Un trucco che sarà inevitabilmente aggressivo e darkeggiante, tipico del..."bel tenebroso" che tanto amiamo idolatrare. Da verificare poi nei fatti...of course!!

In conclusione: benvenuto uomo truccato, ti aspettavo da tanto e ora, anche grazie alla complicità di queste nuove leve del rock nostrano, Damiano dei Mäneskin docet, ne vedremo sempre di più e sempre più belli!

Nel frattempo ho raccolto un po' di immagini di uomini carismatici, certamente molto noti, fra le maggiori icone del mondo della musica e oltre, di ieri e di oggi. Chi è il vostro preferito?

Rifacciamoci un po' gli occhi...

Adam Lambert

Boy George

Damiano dei Maneskin

David Bowie

Jared Leto

Jonny Depp

Marilyn Manson

Michael Jackson

Miguel Bosè

Morgan

Nick Rhodes

Piero Pelù

Prince

Renato Zero

Robert Smith



martedì 28 febbraio 2017

EXTENSION CIGLIA - TUTTO O QUASI QUELLO CHE C'E' DA SAPERE

Ciao a tutte/i e ben ritrovate/i!


Stavo facendo una riflessione a proposito del fatto che, incredibilmente, sino ad oggi, in anni di attività su questo blog, non ho mai scritto un post riguardante l'argomento "extension ciglia".
Cosa che mi pare pure assurda, visto che sono una grande appassionata di extension ciglia e le applico pure da anni!
Comunque, questa può essere l'occasione giusta per soffermarmi a trattare un pochino l'argomento.
Fermo restando che niente vieta di ritornarci in futuro!
esempio applicazione extension ciglia
Esempio applicazione extension ciglia

COSA SONO?

Come potete vedere dalla foto qui sopra, si tratta di ciglia finte, sintentiche o di seta, che vengono attaccate con un'apposita colla, sulle proprie. Una procedura che garantisce un effetto estetico risultante molto molto bello. Si ottengono effettivamente ciglia molto più lunghe e folte, che non passano inosservate!

COME FUNZIONA?

Molto semplice...si fa per dire! Viene selezionata una certa quantità di ciglia proprie sulle quali, una dopo l'altra, vengono poste quelle finte, con una certa modalità, in modo da garantirne la tenuta.
L'esecuzione, come potete immaginare, necessita di un po' di tempo, circa un paio d'ore per mettere una buona quantità di ciglia finte sulle proprie.
Niente paura, non è doloroso e nemmeno fastidioso, non si sente nulla, si tengono semplicemente gli occhi chiusi e, volendo, si può addirittura dormire!
La colla utilizzata è specifica per questo tipo di lavoro. Rispetto ad analoghe colle di anni fa è molto più confortevole, ovvero non fa per niente bruciare gli occhi. In passato questo effetto collaterale dato dai fumi delle colle, a fine lavoro, all'apertura degli occhi, un pochino c'era. Del resto come recita il detto:"Chi bella vuole apparire, un po' deve soffrire".
Ma per fortuna, il mondo dell'estetica è in continuo fermento ed evoluzione. Grande cosa direi!

ciglia per applicazione extension
Ciglia per applicazione extension

Una volta applicate le ciglia, del tutto simili a quelle nella foto qua sopra, è necessario attendere circa 24 ore, prima che il processo di asciugatura della colla possa dirsi completato.

EFFETTO 2D-3D-...

Ciglia a ciuffetti per extension
Ciglia a ciuffetti per extension

Di più recente introduzione (parliamo comunque di qualche anno) abbiamo le ciglia chiamate 2D, 3D, 4D, ecc... semplimentemente perchè costituite da ciuffetti di ciglia unite, che vengono posti sempre sulle proprie, ma vanno a creare un infoltimento molto più consistente, oltre che ad allungarle. Quindi possiamo dire che sono particolarmente indicate per persone con poche ciglia, magari anche sottili, che quindi si vedono poco, anche a fronte dell'applicazione del mascara.

QUANTO DURANO?

Domanda che viene posta abitualmente dalle future clienti.
Premettendo che le nostre ciglia naturali hanno una durata/vita media di 2 mesi.
Per l'applicazione delle extension si prendono principalmente in considerazione le ciglia di età intermedia, quindi di circa 1 mese. Si stima quindi una durata delle finte, che cadranno assieme alle proprie, di circa 3 settimane/1 mese.

Extension ciglia
Prima e dopo applicazione extension ciglia


PRO E CONTRO


Pro:

  • bellissime
  • effetto naturale
  • non è più necessario mettere il mascara
  • per la bellezza degli occhi non è più indispensabile il trucco degli occhi
  • ottime per migliorare l'aspetto degli occhi soprattutto a chi ha poche ciglia o corte
  • consigliatissime per le spose, per l'effetto "wow" che danno senza ulteriori artifici
  • consigliate a chi non si trucca ma vuole valorizzare i propri occhi
Contro:
  • non bisogna applicare cosmetici a base grassa perchè tendono a far staccare le ciglia finte
  • non sono consigliate a chi tende a strofinarsi sovente gli occhi
  • non sono consigliate a chi ha ciglia non curvate verso l'alto o spioventi, perchè l'applicazione su ciglia con tale direzionamento non migliora molto la bellezza e l'effetto della procedura(in questi casi si può però eseguire prima la permenente ciglia e poi si può applicare l'extension).

Non so se vi ho fatto venir voglia di provarle, spero di sì, perchè sono proprio miracolose, come suggeriscono le foto che ho messo in questo post.

Per il momento mi fermo qui.
Nel caso abbiate domande o vogliate ulteriori informazioni sull'argomento non esitate a contattarmi.

A presto!



martedì 31 gennaio 2017

I PRODOTTI CAMOUFLAGE

Ciao e ben ritrovati!
Quando parliamo di camouflage intendiamo...vedi questo mio post : TRUCCO CORRETTIVO E CAMOUFLAGE.
Trucco camouflage


In questo post parliamo specificamente di alcuni marchi di prodotti per il trucco camouflage.
Questi prodotti differiscono dai normali cosmetici per la loro grande proprietà coprente, la resistenza all'acqua, ai raggi solari e alle più disparate condizioni atmosferiche in genere.
Garantiscono una durata  e una tenuta perfetta per molte ore in più rispetto ai consueti cosmetici, senza creare alcun fastidio o forma allergica.
Vediamo ora alcuni fra i più importanti marchi di camuflage presenti sul mercato internazionale:

VEIL by Thomas Blake & Co.(UK):
Brand inglese, avente delle creme dall'eccellente texture, facili da applicare, anche per correzioni leggere , con un risultato estetico alquanto naturale.
Molto utilizzata anche nel cinema, tv e nella moda, anche per la capacità di non creare l'effetto "maschera". Particolarmente adatto per pelli di etnia caucasica e chiare.
Il packaging è minimal per tenere contenuti i costi.

DERMACOLOR by Kryolan(Germania):
Brand di fama mondiale molto conosciuto dai make up artist (anche da me) in quanto produce una vasta gamma di prodotti per il trucco in tutti i settori dello spettacolo, compresi quelli per gli effetti speciali. Disponibili tutti i tipi di colorazioni per le varie etnie.
La palette di Dermacolor in mio possesso è effettivamente stata molto utile in varie situazioni dove la presenza di forti o medie discromie sulla pelle della modella necessitava di un prodotto coprente e di lunga tenuta che desse garanzie di tenuta. La varietà di colori mi ha permesso di poter usare il camouflage su tupi di persone dalla carnagione molto diversa. Questi camouflage tuttavia non sono facilissmia da stendere, in quanto piuttosto poco cremosi e alquanto secchi. Li considero più adatti per addetti ai lavori e non per un'utenza finale.

KEROMASK by Christy Cosmetics(UK):
Altro marchio inglese di camouflage  di ottima qualità e tenuta.
La texture ha una consistenza più grassa e più liquida, quindi più adatta a pelli molto secche.
Data la tipologia di prodotti non è largamente usata dai make up artist, ma maggiormente in ospedali e cliniche. Inoltre si adatta ad essere mischiato con prodotti di altre marche, conferendo maggiore cremosità a quelli più secchi.

COVERMARK(USA):
Ecco un altro brand particolarmente noto nel settore dei prodotti camouflage e presente da molti anni sul mercato. Diffuso più di altri anche in profumerie e farmacie.
Ha una consistenza molto pastosa, utile per una coprenza totale anche di problematiche molto gravi della pelle. Usata anche in ospedali e cliniche. Si possono chiaramente miscelare i colori per ottenere la nuance perfetta per la propria pelle.

DERMABLEND by Flori Roberts(USA):
Prodotti commercializzati in Italia dalla Vicky. Presenti in farmacia con una buona gamma di varianti colore. Un'attima coprenza e durata. Varianti di colore anche scure per pelli di etnia asiatica ed africana.

RIPAR COVER by Ripar Cosmetici(IT)
Finalmente anche un marchio italiano, esattamente di Caserta. Un varietà di nuance dalle più rosate e chiare alle più bronzee e scure.
Prodotti ad elevata performance e progettati inestetismi anche gravi della pelle, lasciandola idratata e con un aspetto naturale. Questo è quanto recita la loro broshure, promesse che sembrano essere rispettate dai video dimostrativi che ho visto. Da provare!

Per concludere: questi prodotti sono molto importanti non solo sul piano estetico, ma anche psicologico. Aiutando a nascondere difetti estetici, migliorano la qualità della vita, soprattutto sul piano sociale, delle persone. Non è poca cosa!
A presto!!!


lunedì 19 dicembre 2016

MAKE UP E FOTOGRAFIA

Ciao a tutti!
Finalmente oggi riesco a riapprocciare il mio amato blog con un argomento a me molto caro, ovvero il make up in relazione alla fotografia.
Trucco fotografico/Foto Helmut Newton

Non tutti coloro a cui interessa l'argomento MAKE UP conoscono o impiegano abitualmente il trucco fotografico.
Quindi val la pena spendermi in un approfondimento.
Come in tanti altri settori creativi, ciò che conta non è attenersi alle rigide regole acquisite, ma saperle adattare ed asservire ai risultati richiesti dal committente, che può essere un fotografo, un privato, uno stilista, un'azienda, ecc....
Ci sono comunque da considerare alcuni aspetti che caratterizzano la destinazione d'uso del trucco, ovvero le foto, che necessitano di alcuni criteri imprescindibili per la creazione dello stesso.
In base alle luci che vengono utilizzate per le foto, l'intensità, il tipo e la direzione, si giunge ad un risultato di esposizione che dà più o meno evidenza ai colori e alle caratteristiche del viso.
Questo schema di luci è molto rappresentativo.

Tipi di schema di luci nel ritratto

Se ad esempio le luci utilizzate per illuminare il soggetto sono calde e morbide si possono applicare fondotinta più naturali e meno coprenti, altrimenti sarà opportuno adottare prodotti per la base più coprenti.
Fondamentale anche l'attenzione all'opacità del viso. Se la pelle è lucida verranno messi in evidenza difetti, a volte non captati nemmeno dall'occhio.
Va da sé che quindi la cipria sia molto importante, anche per il fissaggio della base. Evitare l'eccesso, effetto "statua di gesso".
La tipologia di trucco per gli occhi è invece discrezionale in base alle esigenze dello shooting fotografico.
Da tener comunque presente che le luci forti tendono ad eliminare le sfumature, quindi quest'ultime andranno fatte con particolare attenzione, evitando di incorrere in effetti "macchia" di colore.
Anche le labbra ridisegnate rischiano di non essere correttamente evidenziate in fotografia, soprattutto se lucide.
Anche il trucco, cosiddetto "naturale", ovvero apparentemente non esistente, non è di così facile realizzazione, perchè deve comunque rispettare tutte le fasi, ma essere dosato in modo graduale, senza stacchi netti.
In generale quindi va detto che il make up, anche se leggero, deve essere sempre presente in un set fotografico, per eliminare difetti (come occhiaie) e imperfezioni (come macchie solari) o valorizzare parti del viso o per ovviare a inconvenienti della fotografia.
Nude look
Make up naturale/nude look

Oltre a tutto ciò, va sottolineato il fatto che la collaborazione con tipologie di fotografi, dalle diverse sensibilità ed esigenze, necessita un opportuno adeguamento di scelte di prodotti e tecniche nell'esecuzione del make up,
Ogni fotografo ha in mente una visione personale dell'immagine che vuole ottenere. Anche gli effetti visivi sul viso delle modelle possono variare, quindi è importante da parte del truccatore dimostrare un'apertura mentale nel cogliere e nell'aderire e soprattutto soddisfare le richieste e gli scopi che il fotografo si prefigge di conseguire.
Questo aspetto deve assolutamente far parte del bagaglio professionale del truccatore. Una sorta di "problem solving" incorporato. E questa peculiarità è data inevitabilmente dalle molteplici esperienze che si avvicendano nel corso del tempo.

trucco foto
Make up fotografico in esecuzione


Ciò che vorrei dire in generale e che sostengo spesso ad esempio con le spose, per evidenziare l'importanza del trucco legato alla fotografia anche nel loro caso, visto che verranno ampiamente fotografate in ogni momento della loro cerimonia, è l'importanza di chiedere ed ottenere un make up che ne tenga conto e che in tal senso sia quindi assolutamente performante.

Per concludere: il make up legato e finalizzato alla fotografia, oltre che quello creativo, rimane sempre una mia grande passione!

Passate anche dal mio sito: http://www.danielapapinimakeup.it

Alla prossima!!


martedì 3 maggio 2016

SVELATE LA MASCHERA AI TRUCCHI!


Ciao a tutte e ben ritrovate!
Oggi approfondiamo un argomento in effetti molto importante, che ha a che vedere con la salute della nostra pelle.

IL MAKE UP CHE FA GOLA A TUTTE 

cosmetici economici
Esempi di trucchi che si possono trovare nei mercatini
Parliamo di trucchi "scadenti" e non testati dermatologicamente, ma "vestiti" in modo accattivante con packaging che sanno cogliere l'attenzione soprattutto delle più giovani, magari con la complicità di spot pubblicitari o immagini splendide su riviste patinate.
Il rischio è quello di andare incontro a dermatiti, irritazioni, infiammazioni, a rovinare insomma la propria pelle.
Ma come resistere, se poi anche il prezzo è molto abbordabile?

QUANDO ERO GIOVANE ...
adolescente
Non ero esattamente così...ma fa lo stesso!!
Quando ero adolescente sono incappata più volte nella stessa "trappola", a cui era molto difficile sottrarsi, considerata la mia innata passione per i cosmetici.
Qualche anno dopo, quando ho incominciato, grazie al lavoro, ad avere budget da dedicare ai trucchi, ho incominciato a seguire i consigli di bellezza di top model famose e quindi ad acquistare i prodotti che consigliavano e che sostenevano di utilizzare loro stesse per la loro beauty routine. Probabilmente era solo l'ennesima trovata pubblicitaria delle case cosmetiche per vendere i loro prodotti, in effetti con tante giovani donne quale potevo essere io, funzionava benissimo! Però almeno i prodotti erano di qualità!
Negli anni ho incominciato poi a testare diverse marche di cosmetici, per sincerarmi della reale bontà di prodotti più o meno reclamizzati.
Oggi naturalmente ho miriadi di prodotti per il trucco, quasi tutti di brand strettamente professionali; perchè con la pelle delle clienti non si scherza!. Tra l'altro sono sempre io a testare i cosmetici prima di sottoporli alla cliente. In questo modo posso farmi un'idea della reale efficacia del prodotto, tipo di texture, facilità o meno nell'applicazione, eventuali fastidi alla pelle, ecc... insomma se mantiene o meno le promesse che mi ha fatto la commessa all'atto dell'acquista. Sebbene io spesso baipassi le commesse, informandomi personalmente e previamente di ciò che andrò ad acquistare. La commessa deve comunque vendere e questo può rivelarsi un grosso difetto, se il prodotto che ti vuole propinare non è quello che mi serve oppure non è realmente qualitativo. Questo si tradurrebbe in soldi buttati perchè non lo utilizzerei con le clienti, quindi...meglio fare attenzione!!
E poi io stessa ho lavorato in profumeria, percui ...fate vobis!!

COME RICONOSCERE COSMETICI SCADENTI 
cosmetici low cost
Esempi di cosmetici low cost
1) Prezzi economici
2) Marche sconosciute/prodotti che sembrano vecchi o senza confezione
3) Leggete (se c'è la confezione) i componenti del prodotto, in questi potreste trovare PETROLATI, ossia derivati del petrolio, che li rendono comedogenici, ovvero in grado di favorire l'insorgenza dei punti neri.
4) Nei componenti ci possono essere sostanze allergizzanti, in grado di creare irritazioni o secchezza alla pelle.
5) La scarsa qualità del prodotto, che quindi di solito è poco "scrivente" o di breve durata, genera la necessità di applicarne sul viso una quantità maggiore, il che naturalmente genera un peggioramento della salute della pelle. Per coprire l'inestetismo, si finisce con fare un danno ancora peggiore!

CONSIGLI
consigli
Consigli...


1) Io eviterei i prodotti presenti sulle bancarelle del mercato o dei mercatini.
2) Acquistate solo prodotti o di profumeria o farmacia, con confezioni, dalle quali potete leggere i componenti.
3) Informatevi su internet o giornali di settore per sincerarvi della qualità dello stesso, prima di acquistare un certo cosmetico.
4) Pulite sempre molto accuratamente la pelle prima di andare a letto, con prodotti adeguati al vostro tipo di pelle. Anche se non vi truccate, la pelle è sporca a causa delle sostanze inquinanti presenti nell'aria, e la non pulizia quotidiana può portare sicuramente ad un invecchiamento precoce dell'epidermide.
5) Uno degli strumenti più efficaci a favore della pulizia profonda è lo ZEITGARD (clicca sulla parola e vedi mio post precedente), che ovviamente ho testato su di me (che tra l'altro non ho una pelle giovanissima) e poi utilizzato con grande successo su numerose clienti entusiaste.

CONCLUSIONI


Maggiore cura della pelle fin da giovani o giovanissime è molto più importante di quanto possiate immaginare per prevenire la prematura insorgenza di pelle arida e rughe.
Se poi non fumate... è anche meglio!!

Un saluto a tutte e alla prossima! Stay tuned!! ;-)

martedì 26 aprile 2016

POSSIAMO FIDARCI DEI COSMETICI COSIDDETTI "ANALLERGICI"?



trucco anallergico
Make up anallergici

Ciao a tutte!
Allora: oggi ci occupiamo di un argomento molto gettonato e un po' controverso, ovvero i cosmetici anallergici e la distinzione da fare tra quelli realmente privi di allergeni e non presunti e che poi danno ancora problemi allergici.Io stessa ho bisogno, nel mio lavoro, di potermi fidare di un cosmetico durante la creazione di un make up ad una persona che presenta delle forme allergiche, altrimenti, come potete ben immaginare, il rischio di danneggiare la cliente è forte e non me lo posso e voglio permettere!Quindi che fare?Se non avete delle certezze circa le sostanze che vi provocano reazioni allergiche, innanzitutto è importante effettuare dei test per stabilire l'origine dell'allergia, cioè la sostanza che la scatena. Così sarete in grado di scegliere con cognizione di causa i prodotti che NON CONTENGONO tali sostanze.

Perchè indipendentemente dal fatto che il cosmetico venga definito "anallergico" non si può escludere totalmente che contenga comunque un ingrediente che a noi dà fastidio, qualunque esso sia!


Molto più semplicemente potete scoprire in modo "casalingo" se un prodotto vi crea irritazioni o meno. Applicate su una piccola porzione del braccio il prodotto cosmetico e attendete 24 ore. Se in questo arco temporale non succede nulla potete utilizzarlo tranquillamente.  Uno dei prodotti maggiormente causa di allergie è il nickel, che sarebbe vietato dalla comunità europea, però in basse quantità può essere presente nei prodotti di uso quotidiano e anche nei cibi che ingeriamo. Attraverso l'esecuzione di test specifici si può identificarne l'intolleranza.


Pubblico l'elenco dei sintomi dell'allergia da contatto al nickel: 

  • dermatiti e pruriti, anche da contatto, che si manifestano sul volto, sulle mani, sulle gambe;
  • afte o infiammazioni boccali e gengivali;
  • gonfiori addominali;
  • malessere generale diffuso;
  • senso di stanchezza e pesantezza;
  • senso di nausea;
  • crisi respiratoria e asma;
  • mal di testa.
Consideriamo che il nickel si trova un po' ovunque, anche nell'acciaio che viene utilizzato per costruire i macchinari per produrre cosmetici!! Quindi non possiamo parlare propriamente di prodotti "nickel free" ovvero totalmente privi di nickel, ma di sostanze con un bassissimo contenuto di questo metallo, tale da non essere in grado di scatenare reazioni allergiche e quindi definiti "nickel tested".

Naturalmente ci sono tante altre sostanze potenzialmente causa di allergie, come coloranti o conservanti chimici. Vale sempre la considerazione fatta sopra sull'importanza di effettuare tutti i test necessari per escludere o meno ingredienti dei cosmetici che possono creare irritazioni.

Tutto chiaro?
Alla prossima!
Ciao ;-)